La cottura dei cibi. Guida e consigli

La cottura dei cibi. Guida e consigli

La cottura dei cibi quanto è importante per la salute?

Variare la qualità dei cibi che utilizziamo é la scelta alimentare migliore, perché il nostro organismo ha bisogno di tipologie di nutrienti vari e complessi come, sali minerali e vitamine che si trovano in una gamma di alimenti molto differenti tra loro.

Oltre alla materia prima differente, è importante sapere come un cibo esprime al meglio il suo potere nutrizionale.

Se lo cuociamo o lo mangiamo crudo, l’alimento cambia il suo apporto. E se entriamo ancora di più nel dettaglio, anche le cotture hanno il loro valore e incidono sulla salute.

Le cotture: come incidono sulla salute?

Sicuramente conoscete la cottura a vapore, al forno, in padella, bollita, alla piastra, solo per citare le più comuni.

Se la temperatura di cottura si alza troppo, l’alimento si brucia. Un banalissimo pane tostato, se eccessivamente tostato diventa dannoso per la salute. Un cibo bruciato porta all’interno dell’organismo sostanze tossiche che rallentano non solo i processi digestivi, ma favorisce l’accumulo di tossine nel nostro corpo.

Anche quando non si arriva alla vera e propria bruciatura, ma si cucinano gli alimenti a temperature molto alte e per un periodo prolungato, la dispersione dei nutrienti è assicurata.

Quali sono le cotture da preferire?

Non esiste una cottura migliore di un’altra, in ogni situazione ci sono accorgimenti che possiamo tenere ben presente:

  • evitare le bruciature dei cibi perché sono fonte di tossine per l’organismo
  • alternare cibi cotti e crudi
  • preferire la cottura a basse temperature
  • la cottura ideale non supera i 42°

Tra le cotture, in padella veloce o alla piastra sono quelle che permettono di mantenere maggiormente attivi i nutrienti del cibo, mentre la cottura bollita o stufata tende a disperderli.

La cottura a Vapore

I vantaggi della cottura al vapore

I cibi non perdono il loro valore nutritivo (vitamine e minerali) poiché la temperatura a cui cuociono è inferiore ai 100°.
Non sono necessarie aggiunte di grassi e condimenti, anzi, i grassi presenti sull’alimento si sciolgono.
Si conserva molto meglio il profumo e la compattezza del cibo, specie per la carne e il pesce.

Infine, ma non meno importante: la cottura a vapore non sporca la cucina.

E’ importante che l’acqua non tocchi il cibo; ma l’acqua non deve neppure essere troppo scarsa perché potrebbe evaporare completamente durante la cottura.

Usando più cestelli sovrapposti si possono cuocere più cibi contemporaneamente: l’importante in questo caso è fare attenzione ai tempi di cottura delle vivande diverse e ai sapori che, se troppo decisi, potrebbero mal combinarsi tra loro.

E’ possibile aromatizzare l’acqua, per esempio con sedano, cipolla, carote, oppure dado vegetale.

  • Per il pesce vanno bene anche piccole quantità di aceto o vino bianco.
  • Per la carne rosse ottimi il brodo vegetale o il vino rosso.
  • Per essere cotte in modo uniforme, le verdure devono essere tagliate in pezzi uguali, non troppo grandi.

Articoli correlati

RAFFREDDORE – Cause Psicosomatiche e Rimedi Naturali

RAFFREDDORE – Cause Psicosomatiche e Rimedi Naturali

Alchechengi, fitoterapia, rimedi, cure naturali proprietà benefiche

Alchechengi, fitoterapia, rimedi, cure naturali proprietà benefiche

A che serve l’inulina?

A che serve l’inulina?

5 Motivi per cui le Allergie sono aumentate

5 Motivi per cui le Allergie sono aumentate