Come evitare un litigio

Come evitare un litigio

La dinamica che porta al litigio è sempre molto più faticosa, elaborata, stressante, depotenziante e debilitante, rispetto alla dinamica che trascende le futili questioni di principio e le convinzioni di certe realtà che dovrebbero essere in un determinato modo, ovviamente nel modo che vogliamo noi!

Da dove nasce un litigio?

E’ bene tenere sempre presente che PRIMA esiste la volontà di sfogare una rabbia interiore, e POI subentra la ricerca di una causa esterna su cui riversare le proprie frustrazioni.

Perché proviamo questa rabbia?

Le cause esterne possono essere migliaia, la base rimane sempre e comunque la sensazione di non essere abbastanza amati, curati, considerati, seguiti e protetti. Tanto più un bambino avrà accusato queste mancanze dai 0 ai 6 anni di vita, tanto più sarà un adulto insicuro e bisognoso di tali conferme, pertanto arrabbiato quando noterà che l’esterno non gli dona ciò che per lui è indispensabile e vitale, poiché ancora psicologicamente fermo allo stato del “bambino abbandonato”.

In questo articolo non spiegherò come risolvere la questione in modo “psicosomatico”, ovvero sanando la turba psicologica per ottenere un individuo mentalmente equilibrato all’esterno, ma indicherò la via “somatopsichica”, ovvero come fare ad interiorizzare una forte consapevolezza della possibilità che l’esterno non sia così cattivo quando non si piega alla nostra volontà, dandoci quello che ci manca.

Per quanto la via inconscia possa sembrare più difficile, in quanto si sa che mutare l’inconscio non è cosa affatto semplice, vi garantisco che in realtà è assai più facile, non tanto in termini di velocità nella realizzazione, quanto in termini strettamente pratici legati alle resistenze che hanno le persone verso il “lavoro sul campo”, ovvero nello scontrarsi senza armature con la realtà delle cose, maneggiando i fatti di vita vera, pratica, anziché disperdersi nelle vasitissime (e sicurissime) lande spirituali nelle quali, diciamoci la verità, ognuno fa quello che gli pare e riesce a sentirsi meglio perché può ripetere tra sé e anche agli altri “Beh ma io sto lavorando a livello inconscio-spirituale!”. La vostra è solo paura di confrontarvi con la realtà.

Come evitare il fastidio che causa il litigio

Molto facile a dirlo… Il difficile è riuscire ad interporlo nel momento in cui nasce il fastidio, prima di passare allo sfogo esterno.

In altre parole, è necessaria una fervida presenza, e una buona dose di autocontrollo, dal momento in cui sta per nascere il fastidio fino al momento in cui si attua questo sistema.

Quindi, partiamo intanto dal presupposto che la pretesa che la realtà sia come noi pretendiamo che sia, credendola giusta, è una richiesta assurda, nonché quasi sempre distruttiva. Tuttavia, se proprio non ci piace come una persona si è comportata, la sola cosa che possiamo fare è questa:

CHIEDERE SPIEGAZIONI

Scusami, ho bisogno di un chiarimento riguardo questa cosa che hai detto/fatto, perché io l’ho percepita in tal modo, ma ammetto che potrei averla interpretata a modo mio, quindi mi piacerebbe parlarne un attimo con te

Questa frase vi ha già risolto il 90% dei problemi, perché il conflitto non si posa quasi mai su un torto effettivamente subìto ma sempre e comunque su una frustrazione intrinseca che fa percepire tutto come un torto che l’altra persona ci sta facendo.

Siamo esseri umani, siamo dotati, chi più chi meno, di un cervello e della capacità di comunicare. Il fatto che non riusciate a comunicare con qualcuno non dipende solo dall’effettiva capacità di comunicare che hanno le persone ma dal tipo di linguaggio che utilizzate. C’è chi riesce a parlare più lingue, quindi ad approcciarsi in modo sano a chiunque, e chi non vuole farlo o non ne è proprio capace.

Se con vostra madre, vostra sorella, un vostro amico, una vostra collega o il vostro capo non riuscite a comunicare in nessun modo, anche tentando l’approccio sano appena mostrato come esempio, cercate di evitare di avere a che fare con queste persone, a meno che non sia assolutamente necessario.

Cercate di passarci sopra, anche quando vi sembra che ci stiate rimettendo. In realtà non state perdendo nulla ma state guadagnando un enorme capacità, che è poi quella del saper trovare la sicurezza dentro di voi, quindi senza delegare potere a terzi di decidere del vostro stato d’animo.

Idem dicasi per il fidanzato o fidanzata che sia, con la variante che non potete evitare di averci a che fare, perché è la persona che avete scelto voi. Quindi a questo punto le strade sono due: o vi amate a tal punto da trovare un linguaggio comune attraverso la via sana e costruttiva appena mostrata, basata sul dialogo che poggia sulla volontà di stare bene insieme, oppure, se dopo aver tentato in tutti i modi di dialogare e di spiegarvi, vi rendete conto che non ci riuscite, la scelta che potete fare è tra queste due opzioni: continuare a litigare per tutta la vita, cercado di risolvere i problemi sfogando la frustrazione, oppure potete trovare un partner che parli il vostro stesso linguaggio e con cui riusciate ad instaurare un dialogo che possa oltrepassare le incomprensioni.

CONCLUSIONI

Una via per evitare un litigio la trova solo chi ha la volontà reale di evitare un litigio. Quando la vostra priorità è quella di sfogarvi, invece che di risolvere veramente un problema, allora cadete nel vortice che porta malessere e tristezza a voi in primis, e anche agli altri.

Se volete risolvere, trovare il modo migliore che vi si addice per comunicare e chiarire i sospesi, senza aspettare che sia l’altro a farlo.

Articoli correlati

Tutta la felicità che tu abbia mai avuto è dentro di te. Sii felice, sii te stesso.

Tutta la felicità che tu abbia mai avuto è dentro di te. Sii felice, sii te stesso.

Gelosia: conoscerla, capirla, gestirla

Gelosia: conoscerla, capirla, gestirla

Empatia e gestione della rabbia

Empatia e gestione della rabbia

Problemi di pelle, sinusite, raffreddore

Problemi di pelle, sinusite, raffreddore